PROGETTI

I progetti sociali che promuoviamo hanno la costante di favorire l’inserimento lavorativo di persone in condizione di svantaggio, principio dominante e fondante di ognuno dei settori di attività di Oasi.

Dal nostro impegno di lunga data abbiamo imparato che ogni condizione individuale ha solo bisogno di trovare la giusta posizione e il giusto ruolo per potersi esprimere con profitto e magari scoprire un talento.

Riteniamo sia doveroso perseguire e inseguire un’esperienza di welfare comunitario e locale in grado di generare un impatto collettivo attraverso contesti formali ed informali e creare reti capaci di sostenere un’economia solidale.

 

I settori che più degli altri permettono di offrire opportunità alle persone in condizione di svantaggio psicofisico sono l’AGRICOLTURA SOCIALE e i LAVORAZIONI CONTO TERZI presso il Centro Occupazionale di Bulgarograsso. Per questi settori abbiamo predisposto e sosteniamo, anche con l’aiuto di enti, associazioni e amici, due progetti, rispettivamente,

CHI SEMINA LAVORO RACCOGLIE DIGNITÀ e

UN LAVORO PER QUASIMODO.

 


 

 

 

CHI SEMINA LAVORO RACCOGLIE DIGNITÀ

 

Obiettivo Generale

L’obiettivo generale del progetto chi Semina Lavoro Raccoglie Dignità, in piena sintonia con quelli che sono gli indirizzi della mission sociale, è di favorire l’inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone svantaggiate, attraverso il sostegno ai piani di sviluppo e di rilancio del settore agricolo della cooperativa. Vogliamo garantire l’investimento economico per lo sviluppo di un settore ad alto impatto sociale, fondamentale per il percorso di inserimento lavorativo di soggetti con disagio psicofisico e sociale. A sostegno della mission si punta a realizzare dei percorsi formativi calibrati sui beneficiari e supervisionati da un responsabile sociale garante dei percorsi intrapresi.

La riqualificazione e il rilancio del settore agricolo della Cooperativa intende favorire la formazione e l’inserimento lavorativo di persone socialmente marginali o a scarsa capacità contrattuale, come detenuti ed ex detenuti, disoccupati di lungo corso, minori in condizione di disagio, persone sottoposte a varie dipendenze o soggette a discriminazioni e pregiudizi, oltre che persone con disabilità psico-fisica.

L’intento è fare leva sugli effetti positivi dell’agricoltura sociale, i quali si riscontrano nelle opportunità di inclusione sociale e nella sostenibilità economica. L’agricoltura promossa dalla Cooperativa è di tipo sostenibile e basata su un sistema di filiera corta che intende ridurre al minimo la distanza tra produttore e consumatore.

Per realizzare percorsi di inserimento lavorativo che abbiano successo in termini di inclusione sociale la cooperativa investe economie in una specifica figura educativa nel ruolo di responsabile sociale che sostiene insieme al tutor operativo del settore le graduali tappe di progresso del soggetto inserito.

 

Elenco delle attività che ci potrai aiutare a sostenere:

  1. Sostegno all’ampliamento dell’impianto agricolo

  • Estensione del frutteto attraverso il rinnovo dei vecchi impianti di frutti di bosco e l’introduzione di nuove varietà (mele, pere, susine, ciliegie, albicocche, pesche);

  • Coltivazione anche di specie meno diffuse ma di elevato interesse botanico (asimina triloba, goji), sia di nuova introduzione sia appartenenti alle varietà antiche (giuggiolo, corbezzolo), nell’ottica di una maggiore valorizzazione del parco come luogo di interesse;

  • Maggiore specializzazione della Manodopera in ambito frutticolo;

  • Implementazione dell’attività di vivaio all’interno del Parco Arcipelago.

  1. Sviluppo della dimensione didattica, culturale e animativa:

    • Laboratori didattici;

    • Corsi orto biologico ;

    • Eventi aggregativi (degustazioni, giornate aperte, feste…).

  1. Aggiornamento funzionale del laboratorio di agrotrasformazione

  2. Inserimento di una figura educativa nel ruolo di responsabile sociale

 

Beneficiari e Stakeholder dei nostri progetti

  • Soggetti svantaggiati con disagi psichici, fisici e sociali cui viene offerta un’opportunità lavorativa e formativa all’interno delle attività operative della cooperativa;

  • Le famiglie dei soggetti coinvolti;

  • Giovani della comunità in cerca di impiego cui viene offerta una opportunità lavorativa nelle attività agricole e correlate della cooperativa;

  • I consumatori di prodotti naturali, biologici e a chilometro zero e in generale prodotti agricoli e agrotrasformati che hanno significative proprietà nutrizionali e organolettiche, con effetti positivi sulla salute e sul benessere;

  • I partecipanti ai percorsi di fattoria/laboratorio didattico;

  • I consorzi dei produttori locali e i gruppi di acquisto solidale;

  • I soci, i lavoratori, i volontari, i sostenitori della cooperativa e tutti gli stakeholder della cooperativa;

  • Le aziende partner e clienti del vivaio;

  • I partner economici della cooperativa;

  • L’amministrazione pubblica che vede ridotto il disagio sul territorio e aumentato il capitale sociale.

  • La comunità nel suo complesso, che vede aumentato il proprio benessere da un punto di vista economico, sociale e alimentare;

  • Gli individui della comunità che desiderano contribuire a progetti di interesse sociale e di sviluppo;

I Nostri Punti Di Forza

La cooperazione sociale di tipo B si fonda sull’idea che la persona svantaggiata, se opportunamente supportata, può essere avviata al lavoro e operare in un contesto produttivo, divenendo una vera e propria risorsa per la comunità in cui vive e lavora. Inoltre i benefici generati non si esauriscono nell’inserimento lavorativo: infatti il lavoro permette ai soggetti svantaggiati di raggiungere un più alto livello di benessere grazie all’effetto positivo su autostima, umore e patrimonio relazionale. Alcuni fattori risultano particolarmente efficaci per il perseguimento di questo obiettivo: il rapporto con la natura tipico dell’attività agricola – soprattutto con la materia viva, vegetale e animale – induce processi positivi di autostima e di recupero di sé. Prendendosi cura di altri organismi le persone sviluppano infatti la capacità di gestire emotività e senso di responsabilità, essenziali per ricostruire la propria identità ed autonomia.

Investiamo nel mondo agricolo attribuendo a esso anche un valore sociale: l’Oasi Mosaico rivaluta persone che sarebbeo altrimenti risorse marginali e marginalizzate dalla società, creando così, oltre alla ricchezza generata dal lavoro, una cultura basata sull’equità, la tolleranza, la solidarietà e la mutualità e un welfare aggiunto per l’economia sociale. Si ha un abbattimento dei costi sociali, economici e non, e la generazione di capitale umano produttivo.

I nostri progetti di agricoltura sociale sono un’occasione di sviluppo per l’agricoltura locale e un modello di sviluppo rurale all’insegna della sostenibilità, stabilendo un circolo virtuoso tra inclusione di soggetti svantaggiati, maggiori e più efficaci servizi alle persone, buoni prodotti per la comunità e l’ambiente.

Perché i nostri progetti dovrebbe essere sostenuti dalla comunità:

  • Garantiscono l’inserimento lavorativo di nuovi soggetti svantaggiati e il consolidamento di quelli già inseriti preservandone la dignità e l’autostima e realizzando per loro una migliore condizione socio-economica e un ruolo nella comunità;

  • Ampliano e consolidano la produzione agricola biologica del territorio;

  • Trasformano percorsi destinati all’assistenza in percorsi di autonomia riducendo il rischio di emarginazione e di sofferenza esistenziale di soggetti potenzialmente esposti: i potenziali soggetti inseriti, che potrebbero essere cinicamente contabilizzati come costi e pesi per la produttività dell’economia locale, divengono risorse, capitale umano produttivo;

  • Producono ricchezza per la comunità, sia economica che alimentare, attraverso la realizzazione di prodotti agricoli e agrotrasformati di alta qualità;

  • Sostengono la realizzazione di prodotti agricoli e agrotrasformati di alta qualità per le proprietà nutritive ed organolettiche;

  • Preservano ed arricchiscono l’Arcipelago, un parco botanico e luogo di incontro che è risorsa per tutto il territorio;